LUCA SABATELLI

Come iniziare la mia storia radiofonica senza citare Studio 80, emittente dove ho iniziato la mia carriera, grazie ad un programma condotto in studio da Nicola Zennaro, li ero davvero alle prime armi. Ricordo in particolare: Nerio Sopradassi, presidente di Studio 80 e conduttore della rubrica ”Musica veneziana e quattro chiacchiere assieme”,  e Paolo Pradolin con “Buongiorno in musica”, un altro programma molto seguito allora. Di sport si parlava con Michele Contessa, giornalista oggi in forza alla Nuova Venezia, e poi c’era il grande cabarettista Bernardino con “l’arte culinaria”.
Passato a Radio Antenna Veneta 102, ho trovato una grande voce Veneziana, il Codega con il programma “La marangona”, che alla chiusura dell’emittente si spostò con la sua trasmissione a Radio Vanessa. Il mio ruolo a RAV 102 era la costruzione di non stop su nastro e spot radiofonici.
Dopo la chiusura sono passato alla Radio che Davide nella sua storia ha definito un “porto di mare”, e cioè Radio San Polo, emittente che proponeva ogni genere di musica. Tra gli speaker ricordo Enea con la musica soft, Rossella Zero con le dediche, Claudio B.,Giusy Conte, Stefano 2, Roberto il biondo (discoteca), Loretta (revival), Roberto Bazar (superclassifica) e il piccolo Diego che a 6 anni presentava Baby Sound, il primo programma radiofonico dedicato ai bambini. E ancora: Luca Zerofolle con il programma dedicato a Renato Zero, altri fedelissimi di RSP come Michele Antonelli e Cesare, fino al programma più conosciuto della domenica mattina a Venezia, il “Rumoraccio” condotto da Luca 2 e Annalisa DJ. Be’, Luca 2 ero io, oggi invece sono Luca Sabatelli. Ricordo molto bene che a RSP ho insegnato ad un ragazzino che oggi è molto conosciuto come DJ nel Veneto: Davide Ozembergher, nato proprio in una radio veneziana.
Voglio poi ricordare in modo molto particolare Luca Guerrato, in arte Charlie Wind, con il quale ho passato dei bei momenti della mia vita radiofonica, mentre la sua ragazza trasmetteva a Punto Radio. Custodisco ancora una medaglietta in argento in memoria di Luca in una festa ricordo fatta con altre radio, tra cui RTZ Mestre Ovest. Lì mi classificai secondo proprio grazie alla scuola di Charlie.
Poi sono passato a Radio Vanessa nei primi anni Novanta, quando il direttore dei programmi era Giorgio Spavento. Oggi, oltre a me, “resiste” anche Roberto Vianello, altro veterano di radio che trasmette la domenica pomeriggio.
Io e Vianello fummo anche tristi testimoni della chiusura di Punto Radio, non nella sede del Ghetto, ma in quella successiva, in Strada Nuova.
Da li ci spostammo alla Terraferma, con Rete Top 95 di Mestre, radio che trasmetteva sui 94.300 MHZ. Lì ricordo altri bei momenti, trascorsi con nomi che ancor oggi sono nel campo della musica: Roberto Canevese, Mauro de Pieri, Silvia Moscati, Alberto G, Giorgio Pagan, Lorenzo Zennaro, e molti altri. Peccato che poi anche questa radio sia stata chiusa, era una delle più ascoltate della zona. Si ritorna in centro storico, e a Radio Vanessa, dove fino ad oggi ho lavorato di più: ho cominciato con Disco Club, Power Play, e Cafè Solar. Ricordo anche la recente collaborazione dell’emittente con la webradio “La Voce di Venezia”, dietro la quale c’è Paolo Pradolin: peccato che non si sia sviluppata come una nuova sinergia nell’etere Veneziano. Io penso che la storia delle Radio a Venezia ricominci proprio da qui. A risentirci allora in FM o in web.
                               

Alcuni ricordi fotografici di Luca Sabatelli: foto di gruppo con vari dj di RSP – Luca in trasmissione – Una delle tante feste a Venezia – Auguri di Natale rete top 95 – Medaglie vinte in ricordo di Luca Guerrato(dj secondo classificato nel 1988)

Statistiche web e counter web